Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2012

Fenomenologia del clacson

Fermiamoci un momento (possibilmente al semaforo verde) e pensiamo a quale sia, sul fondo del fondo dell’ultima analisi, l’utilità del clacson. Io dico: solo quella di incattivire la gente. Di propositivo, niente. Se analizziamo la casistica di tutte le volte che vediamo suonare il clacson (o che lo suoniamo: ma io non lo suono mai, non ho mai suonato il clacson da quando ho preso la patente, davvero, proprio non mi viene il gesto, non ho il riflesso, o se mi viene mi viene troppo tardi quando ormai la foga del momento è passata e l’eventualità dell’averlo invece suonato appare nello specchietto retrovisore in tutta la sua ridicolaggine e inutilità, di fronte alla grandezza della realtà che prosegue comunque, quatta quatta, ingoiando anche questa e non standoci poi così male), dicevo, se pensiamo a tutte le volte eccetera, ci accorgiamo che sono poche le situazioni in cui il clacson serve effettivamente alla sicurezza stradale. E non sto parlando di quando lo suonano solo per salutar…